Foglie al vento

Una Helsinki che non ti aspetti, un uomo e una donna, una storia di silenzi per scoprire l’amore.

Scena tratta dal film "Foglie al vento" di Aki Kaurismäki (2023)

– “Bella casa. Il letto è piuttosto stretto però”.
– “Che spiritoso che sei. Ma per uno è sufficiente. Me l’ha lasciata la mia madrina, l’ho dipinta da sola”.

Aki Kaurismäki torna in sala con Foglie al Vento, Premio della Giuria al Festival di Cannes 2023. Il film, ricco di citazioni a registi sacri da Godard a Bresson, riprende uno dei temi a lui cari che sembrava essersi concluso: il lavoro e il suo precariato.

Scena tratta dal film "Foglie al vento" di Aki Kaurismäki (2023)

Ansa e Holappa sono una commessa e un operaio, poi una cameriera e un disoccupato e ancora un’operaia e un alcolizzato; solo alla fine si scoprono essere una coppia. Per il resto del film assistiamo lentamente alla loro routine: dove vivono, cosa mangiano, come dormono e con chi escono. Il tutto cadenzato da giornate di lavoro che per quanto simili a loro stesse, si rivelano cambiare in base alle condizioni che la vita offre.

Inaspettatamente schietta, Ansa sa il fatto suo: una donna sicura e indipendente, che vive con lo stretto indispensabile e passa i tempi morti ad ascoltare gli aggiornamenti della guerra in Ucraina alla radio.

Holappa, sfacciato sul lavoro e con una bottiglia di alcol sempre a portata di mano, vive con altri operai dentro il vagone di un treno dismesso, ma custodisce una giacca buona e un pettine alla Bogart per riordinare i capelli, nonostante le crepe del suo specchio.

I due non sembrano avere un chiaro scopo nella vita e i parsimoniosi dialoghi del film non lasciano intendere niente di diverso da quello che sembra: alzarsi e viverla.

Che film noioso, vero? E invece no.

Anche se assistiamo a degli stereotipi di genere e di precariato (che comunque esistono), la storia narrata è un’altra: quella del mondo senza uno smartphone e senza possibilità di comunicare, se non grazie a un paziente ingegno nel cercare una persona cara.

Scena tratta dal film "Foglie al vento" di Aki Kaurismäki (2023)

Infine è un film sul riscatto, che vuol dire accoglienza del cambiamento; e poi ancora un film sull’amore che però non include il sesso. O forse lo includerà, in Foglie al Vento Due.

Scherzi a parte, la totale assenza di contatto fisico tra Ansa e Holappa sembra suggerire in realtà un disagio: quello del vivere l’altro. Ma il desiderio silente di prendersene cura prevale e lascia spazio a una poesia del conoscersi, fatta di silenzi e imprevisti, di attese e ritrovi, ma soprattutto di presenza.

Da vedere anche solo per provare (a ricordarci come si fa).

Voto da zero a dieci, otto.

Torna su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *